titolo pulito

Mina: gli ottant’anni della tigre di Cremona

di Antonio Agosta (Redazione Sicilia)

Mina Anna Maria Mazzini alias Mina, compie ottant’anni, una tra le cantanti migliori degli ultimi tempi. Mina fu descritta come una ragazza solitaria allo stesso tempo irrequieta ma dall’animo sensibile. Lei è la tigre di Cremona, faceva parte del terzetto delle grandi voci femminili degli anni sessanta e settanta con Iva Zanicchi e Milva. L’artista è dotata di una voce e di una musicalità al di fuori del comune, dal timbro vocale caldo e dall’estensione agile e duttile. Negli anni cinquanta esordisce, come cantante, nel gruppo Happy Boys, fondata nel 1949 da Nino Donzelli, la band era famosa nelle sale da ballo della zona di Cremona. Mina debutta sul palco con un vestito da cocktail sottratto di nascosto alla madre, la donna non voleva che la figlia intraprendesse la carriera di cantante, fu il padre a convincerla:  «Tanto, cosa vuoi, durerà qualche settimana questa follia. Lasciamola fare». Da oltre cinquantanni Mina ha interpretato più di 1500 brani e ha ottenuto diversi riconoscimenti nell’ambito musicale. Nel 1961 partecipa al Festival di Sanremo, la critica la snobba, ritenendo troppo moderna la sua kermesse per il pubblico di Sanremo, oltre al gesto inusuale delle dita che scivolano sulla bocca ad ogni ritornello, quasi fosse uno sberleffo. Mina non arriverà mai prima, casomai al quarto posto o quinto. La cantante è acclamata dal pubblico estero e da tanti artisti internazionali, come Frank Sinatra e Louis Armostromg. La Spagna, come il Giappone e la Francia, adora la sua vocalità dalle tonalità urlatrici. Dopo l’esperienza estera fa ritorno in Italia, suo paese natale, in Italia è ingaggiata in alcuni programmi Rai, come “Studio uno”. Nel varietà non è previsto nessun conduttore, solo l’avvicendarsi, in ogni puntata, di personaggi importanti. Nel 1963 nasce il suo primo figlio, Massimiliano, nato da un rapporto contrastato con Corrado Pani, l’uomo era sposato con l’attrice Renata Monteduro. Nel 1971 dà alla luce Benedetta, sua secondogenita, il padre morirà nel 1973. Nel 1978 Mina darà l’addio alle scene, non vuole più apparire pubblicamente, semmai incide annualmente un album da prima posizione nelle classifiche italiane. Dopo quasi quarant’anni, era il 10 gennaio del 2006, Mina sposerà a Lugano il cardiochirurgo Eugenio Quaini, amico da sempre.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Certified

Leave A Reply

Your email address will not be published.

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More

Privacy & Cookies Policy