titolo pulito

Coronavirus, trovata la soluzione, si da il via al primo studio al mondo su un potenziale trattamento con gli anticorpi

ROMA – Inizia il primo studio al mondo su un potenziale trattamento con gli anticorpi per il Covid-19. Lo rende noto l’azienda farmaceutica Eli Lilly. I primi pazienti hanno ricevuto, in questa fase 1, l’anticorpo principale LY-CoV555 nato della collaborazione di Lilly con AbCellera. Lo studio, controllato con placebo, valuterà la sicurezza e la tollerabilità nei pazienti ricoverati in ospedale per il coronavirus.

I risultati sono previsti entro la fine di giugno: se saranno positivi e dimostreranno che gli anticorpi possono essere somministrati in modo sicuro, Lilly avvierà uno studio di fase 2 per valutare l’efficacia in popolazioni vulnerabili. Gli scienziati di Lilly hanno sviluppato in soli tre mesi l’anticorpo, dopo che questo era stato identificato da AbCellera ed il Centro di ricerca sui vaccini dell’Istituto nazionale di allergie e malattie infettive Usa (NIAID) su un campione di sangue prelevato da uno dei primi pazienti americani guariti da Covid-19.

LY-CoV555 è il primo potenziale nuovo farmaco progettato per combattere il virus che causa la Covid-19. I primi pazienti nello studio sono stati curati nei principali centri medici degli Stati Uniti. “Siamo impegnati a lavorare con i partner del settore per generare evidenze scientifiche in grado di soddisfare l’urgente necessità di trattamenti che riducano la gravità della malattia”, ha dichiarato Mark J. Mulligan, direttore della divisione di malattie infettive e immunologia e direttore del Vaccine Center presso la NYU Langone Health.

“I trattamenti con anticorpi, come quello qui studiato, promettono di essere contromisure efficaci contro questa infezione mortale”. Si tratta del “primo potenziale nuovo farmaco specificamente progettato per contrastare il virus. Le terapie con anticorpi come LY-CoV555 possono rivelarsi efficaci sia nella prevenzione che nel trattamento di Covid-19 e possono essere particolarmente importanti per i gruppi più colpiti dalla malattia come gli anziani e le persone con sistema immunitario compromesso”, ha sottolineato Daniel Skovronsky, Chief Scientific Officer e presidente di Lilly Research Laboratories.

Entro “la fine del mese, esamineremo i risultati di questo primo studio sull’uomo e intendiamo avviare piu’ ampi studi di efficacia. Nel frattempo, stiamo anche avviando la produzione di questa potenziale terapia su vasta scala. Qualora LY-CoV555 si rivelasse parte della soluzione a breve termine per Covid-19, vogliamo essere pronti metterla a disposizione dei pazienti il piu’ rapidamente possibile, con l’obiettivo di rendere disponibili diverse centinaia di migliaia di dosi entro la fine dell’anno”, ha continuato Skovronsky.

L’azienda prevede inoltre di studiare il farmaco in ambito preventivo, concentrandosi su popolazioni di pazienti vulnerabili che storicamente non sono candidati ottimali per i vaccini. LY-CoV555 è un anticorpo monoclonale IgG1 (mAb) diretto contro la proteina spike di SarsCov2 ed progettato per bloccare l’ingresso del virus nelle cellule umane; grazie a questa neutralizzazione del virus, è potenzialmente utilizzabile sia nella prevenzione che nella cura del Covid-19.

Certified
Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More

Privacy & Cookies Policy