titolo pulito

Conclusa la missione dei Vigili del fuoco a Beirut, specialisti Nbcr ed ingegneri insieme per il controllo del rischio chimico e stato degli edifici

ROMA – Rientra oggi dal Libano il contingente di Vigili del fuoco specializzati sul rischio Nbcr (Nucleare Batteriologico Chimico Radioattivo) partiti il 5 agosto in missione internazionale per Beirut, colpita dalle esplosioni nella zona portuale.

I Vvf italiani, operativi a Beirut insieme ad altri team europei nell’ambito del Meccanismo europeo di protezione civile con il coordinamento del dipartimento della Protezione civile, hanno svolto attività di campionamento e monitoraggio delle acque marine, del suolo e dell’aria intorno al cratere dell’esplosione, per rilevare agenti chimici eventualmente dispersi.

Spenti gli ultimi focolai sulla nave scagliata dalla forza dell’esplosione sulla banchina del porto, i vigili del fuoco hanno verificato la qualità dell’aria all’interno, escludendo la presenza di sostanze pericolose e consentendo così l’ingresso alle squadre locali per l’ispezione.

In parallelo, ingegneri strutturisti dei Vvf hanno effettuato verifiche su edifici d’interesse distanti dall’area più colpita. Nell’ambito dei controlli strutturali sono stati riscontrati danni alle parti esterne, come pannelli e, soprattutto, vetrate.

Subito dopo il loro rientro in Italia i membri del team saranno sottoposti alle misure di profilassi previste dalle direttive sanitarie anti Covid-19.

Certified

Leave A Reply

Your email address will not be published.

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More

Privacy & Cookies Policy