titolo pulito

Ministro Speranza:” Natale diverso da tutti, coprifuoco alle 22, limitazioni di familiari e santa messa prima della mezzanotte”

ROMA – “Non sarà un Natale come gli altri. Di solito a Natale vediamo persone che altrimenti non riusciamo a incontrare nel corso dell’anno. Questo, invece, deve essere un Natale all’insegna della sobrietà“, dice il ministro della Salute Roberto Speranza  Live non è la D’Urso, su Canale 5.

A proposito di quali parenti potranno stare insieme a Natale, Speranza spiega: “Già oggi è vigente una forte raccomandazione del governo di evitare di portare a casa persone che non siano conviventi. Già oggi bisogna spostarsi solo se necessario.

Stare a casa ogni volta che è possibile. Ridurre il più possibile i contatti tra le persone. Limitiamo agli affetti più stretti“, dice il ministro che ricorda come  “il Natale sia molto più insidioso” dell’estate “perché è più facile che il virus si diffonda in luoghi chiusi, mentre in estate si sta più spesso all’aperto”.

“Io penso proprio di si. Anche in questo caso è una norma già vigente e io penso che vada confermata ancora”, dice il ministro della Salute.

Per quanto riguarda la messa di Natale, è confermato che non potrà essere alla mezzanotte. “Ho grandissimo rispetto ed è in corso una interlocuzione. Ma se c’è un coprifuoco c’è un coprifuoco“, risponde Speranza

Certified

Leave A Reply

Your email address will not be published.

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More

Privacy & Cookies Policy