titolo pulito

La contraddittorietà dei DPCM: Feste pasquali in zona rossa, si a viaggi a l’estero no in Italia

ROMA  – Si avvicina l’avvento pasquale e di nuovo si rientra in “Lockdown”, nuove regole da rispettare presentate dal consiglio dei ministri che rimane in parte contraddittorio con ciò che realmente si dovrebbe fare. Nei giorni festivi 3,4,5 aprile l’Italia è in totale chiusura, con ristoranti ed altre attività. Nono sono consentiti gli spostamenti se non per determinate necessità stando a quanto è indicato nel DPCM, ma nei giorni festivi è permesso fare visita a amici o parenti al massimo di due persone.

è evidente che si presentano delle contraddittorietà negli spostamenti. Ad esempio è consentito andare in vacanza all’estero e non in Italia perché in quest’ultima sono vietati gli spostamenti tra regioni. Anche Giorgia Meloni scrive su facebook: “A Pasqua l’Italia in zona rossa, ma sono consentiti i viaggi all’estero.

È il colpo di grazia per il nostro turismo. Da una parte si costringono alberghi, ristoranti e ogni operatore del settore a non poter lavorare, oltretutto fornendo loro ristori irrisori, dall’altra si permette a tutti di muoversi liberamente fuori confine.  Se hanno in mente di distruggere definitivamente il turismo italiano, questa è la strada giusta”.

Si apre e poi no, cosi come cancelli di un circo l’Italia non è vittima del virus ma delle scelte sbagliate che il governo decide. Per il bene comune è giusto che si decida o di chiudere totalmente tutto per un periodo determinato oppure no. Altrimenti cosi il virus non viene debellato e l’economia resta ugualmente uccisa.

Certified

Leave A Reply

Your email address will not be published.

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More

Privacy & Cookies Policy