titolo pulito

Molte aquile ho visto in volo di Filippo Nassetti

Dalla penna elegante e scrupolosa di Filippo Nassetti, esce fuori un racconto dolorosissimo del fratello morto sui cieli di Tolosa nel 1994. La storia racconta la breve vita di Alberto, fratello maggiore, primo comandante di linea al mondo a tornare a volare dopo essere stato operato di un tumore al cervello, rivelatosi benigno. Il libro è diviso in capitoletti titolati con date che fluttuano tra il 1981 e il 2019. “Molte Aquile ho visto in volo – Vite straordinarie di piloti”, è la parabola di tutti coloro che sognano di volare i cieli pilotando un aereo di linea. L’autore rispolvera la memoria di Alberto attraverso racconti di vita di una famiglia intima e profonda, lo fa emozionandoci con questo racconto dal volo spezzato e mai interrotto. Un racconto che si legge tutto d’un fiato dal linguaggio scorrevole. L’uomo ha sempre sognato di volare, proprio come fece Icaro che volò troppo in alto con le sue ali di cera, che si sciolsero al calore del sole facendolo cadere in mare. Alberto non volò mai con le ali di cera come Icaro, e non cadde mai a terra, Alberto si è formato nella scuola di volo Alitalia nel 1988, arrivando primo del suo corso”. Il racconto è dedicato, oltre al fratello scomparso, ai tanti piloti di linea che stanno in cabina e si muovono tra pulsanti, radar e torri di controllo. Sempre nella storia, vine citata la disavventura di Francesco Miele, oggi pilota EasyJet, che da giovane perde la gamba destra in un incidente in moto e Pier Francesco Racchetti, oggi pilota Ryanair, e un appuntamento tragico con la morte per suo padre, Pier Paolo Racchetti, anch’esso pilota ma dell’Alitalia.Alberto è l’uomo che scelse il cielo come professione, a differenza di tanti altri che sorvolano il mondo per raggiungere la meta stabilita. Il 20 dicembre del 2005, presso la Cappella Paolina del Palazzo del Quirinale, il Presidente della Repubblica, Carlo Azeglio Ciampi, insignisce Alberto Nassetti con la medaglia al merito civile.

Certified

Leave A Reply

Your email address will not be published.

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More

Privacy & Cookies Policy