titolo pulito

Importante seminario su Le patologie pediatriche emergenti, il punto di Fordellone

Filippo Fordellone

 

Roma-Si è tenuto stamane un importante seminario dal tema “Patologie pediatriche emergenti”, organizzato dal Lions Club Sanremo Matutia. L’evento organizzato, ha avuto tra i relatori Roberta Rota, psico-pedagogista clinico; Gianfranco Trapani, pediatra e Filippo Fordellone, odontoiatra e segretario nazionale Sinalp medici, che è intervenuto tramite video call.

Ad aprire il dibattito, l’intervento di Fordellone, che ha parlato di tutela della salute. Così, nel suo incipit, ha voluto richiamare i versi di una canzone di Fiorella Mannoia, “Torneranno gli angeli”, con questo pensiero ha inteso salutare i partecipanti e ringraziare i LIONS di Sanremo. Nel suo intervento, particolare riferimento è stato rivolto al caro amico, nonché collega dottor Danilo Papa, con cui sono state affrontate diverse battaglie a tutela e salvaguardia della salute, quale bene prezioso.

“Oggi, purtroppo, ha ribadito il segretario nazionale Sinalp medici, si parla troppo di sanità e poco di salute, e quando lo si fa, si lega la salute ad un budget economico e non alle reali esigenze dei cittadini”.

“Occorre riflettere- continua Fordellone -dare un segnale di cambiamento, deve sussistere necessariamente sinergia tra territorio, mondo dell’associazionismo, personale sanitario che vive quotidianamente le necessità e le Istituzioni. I nuovi poveri- ha ribadito Fordellone– segnano il tempo di un terzo millennio, abbandonato alla rinuncia alle cure, dove la pandemia ha portato via anche le piccole speranze, ancora appese ad una umana condivisione divenuta isolamento”.

“Plaudo- continua Fordellone– all’iniziativa sentendomi presente con il cuore, quel cuore che guarda con interesse e dedizione ai disturbi dello spettro autistico, essendo referente internazionale di una fondazione di ricerca con delega alla salute mentale”.

Insomma, il segretario Sinalp Medici– si auspica che questa giornata di confronto, sia utile a posizionare un ulteriore e importante tassello, “che trasformi le speranze di tante famiglie in certezze, se non di guarigione di miglioramento, che definiscano quell’umana sanità di cui con onore vi siete fatti oggi promotori”. “Se curi l’uomo- ha concluso Fordellone– vinci sempre, se vedi solo la malattia che l’uomo manifesta l’intervento è parziale e a volte puoi perdere”.

Certified
Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More

Privacy & Cookies Policy