titolo pulito

Firenze, rilanciare la composizione negoziata per aiutare le aziende in crisi

Il prefetto al convegno, organizzato dalla camera di commercio, sulla gestione sostenibile delle crisi d’impresa

FIRENZE – Il prefetto di Firenze Valerio Valenti ha partecipato oggi al convegno sulla “Gestione sostenibile delle crisi d’impresa” organizzato dalla locale Camera di Commercio rivolto alla categoria delle imprese commerciali e agricole, in condizioni di squilibrio patrimoniale ed economico-finanziario.

Obiettivo del convegno quello di sensibilizzare tali imprese, rispetto alle quali risulta perseguibile un percorso di risanamento, sull’importanza di ricorrere alla composizione negoziata delle crisi d’impresa, introdotta dal d. lgs. 118/2021. Un obiettivo importante se si considera l’esiguo numero, circa 21 – fa sapere la prefettura – di istanze pervenute sul territorio toscano, in prevalenza dal capoluogo fiorentino, dal 15 novembre scorso, data a partire dalla quale è attivo tale servizio.

«È necessario che questa realtà, ancora poco diffusa tra gli imprenditori – ha spiegato nel suo intervento di apertura il prefetto Valenti – sia fatta conoscere al fine di fornire risoluzioni immediate sul sorgere della crisi».

A vagliare le istanze provenienti dagli imprenditori in difficolta, è operativa a Firenze la Commissione per la composizione negoziata delle crisi, di cui fanno parte un magistrato designato dal Presidente della sezione specializzata in materia di impresa del Tribunale del capoluogo di regione, un membro designato dal presidente della Camera di commercio e un membro designato dal prefetto.

«Un servizio istituito per intercettare sul nascere le situazioni che presentano aspetti patologici prima ancora che arrivino sul tavolo delle prefetture, soprattutto considerando il delicato momento storico che stiamo vivendo, caratterizzato dal susseguirsi di crisi, da quella finanziaria a quella pandemica e in ultimo dalla guerra ucraina» ha spiegato ancora il prefetto affermando che «il mondo dell’impresa rischia di essere messo a dura prova in questa fase congiunturale e dunque in tale direzione sarà fondamentale rafforzare ancora di più la già coesa rete istituzionale attiva sul territorio, vero strumento per arginare gli effetti negativi del momento e, ove possibile, rilanciare la competitività delle imprese toscane».

Certified
Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More

Privacy & Cookies Policy