titolo pulito

Efficientamento energetico, si moltiplicano i tentativi di truffa

I raggiri posso essere individuati leggendo con attenzione le mail. In tutte sono presenti sgrammaticature, errori di ortografia, riferimenti errati a norme o a strutture dell’Agenzia delle entrate

Roma –  Il Fisco mette in guardia gli ignari cittadini dell’intensificarsi della campagna di malspam in tema di efficientamento energetico. In particolare, l’Amministrazione avverte che i messaggi fasulli, all’apparenza uguali, presentano alcune differenze, ad esempio:

  • l’oggetto, riguardante l’“adeguatezza” o la “conformita” (senza accento) “sul registro tributario” o sull’anagrafe tributaria” e simili
  • l’incipit, secondo cui l’agenzia delle entrate “Impone”, “Dispone”, “Richiede”, eccetera, di consultare l’allegato alla mail
  • la conclusione, in cui si “esige” di prendere visione “celermente”, “istantaneamente”, eccetera, dell’allegato
  • l’allegato protetto o meno da password, eventualmente presente nel testo (ad esempio “securezza2023”).

Tratti comuni sono le sgrammaticature, gli errori di ortografia, i riferimenti errati a norme o a strutture dell’Agenzia delle entrate e l’allegato, che assolutamente non va aperto.

Il fisco ribadisce la propria estraneità al nuovo tranello e disconosce con decisione le comunicazioni e i documenti recapitati, mai emessi dalle sue strutture. Inoltre ricorda che, in caso di dubbi circa l’autenticità di comunicazioni provenienti dall’Agenzia, i cittadini coinvolti possono rivolgersi ai contatti reperibili sul sito istituzionale o all’ufficio delle Entrate territorialmente competente.

Certified
Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More

Privacy & Cookies Policy