titolo pulito

14 misure cautelari verso No Tav violenti. Paoloni (Sap): «Chi manifesta con la violenza deve assumersene le responsabilità. Plauso alla Procura e ai colleghi della Digos di Torino»

«Manifestare è un diritto sacrosanto purché avvenga in maniera pacifica e senza armi, come previsto dall’articolo 17 della nostra Costituzione. Purtroppo qualcuno, dietro al diritto a manifestare nasconde l’indole violenta che poi riversa sui colleghi della Polizia impegnati in servizio di ordine pubblico. Questo è quanto avvenuto lo scorso luglio durante il “festival dell’Alta Felicità”, dove furono lanciate pietre, flessibili e altro contro la Polizia, motivo per cui sono state eseguite 14 misure cautelari, nei confronti di altrettanti facinorosi tra i No Tav e centro sociale Askatasuna».

A dichiararlo è Stefano Paoloni, Segretario Generale del Sindacato Autonomo di Polizia (Sap).

«Ai colleghi della Digos e alla Procura di Torino va il nostro plauso per le indagini condotte e per le ordinanze emesse. Ci auguriamo – prosegue – che i violenti siano sempre puniti e che le manifestazioni si possano svolgere in modo pacifico, quale espressione democratica di civile dissenso».

Certified
Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More

Privacy & Cookies Policy