titolo pulito

Un’analisi del Col. Ernani sulla forte correlazione tra coronavirus e temperatura

Il Colonnello Paolo Ernani meteorologo fornisce un’attenta analisi sulla relazione che intercorre tra il coronavirus e la temperatura atmosferica. Al centro dell’indagine c’è la domanda: è possibile che certe variabili meteorologiche possano influenzare lo svolgere di certi tragici avvenimenti? Il Col. Ernani risponde: «Sì, è possibile». Riportiamo l’analisi integrale:

«Noi meteorologi a volte siamo proprio dei rompiscatole. Sarà una deformazione professionale ma quasi sempre su certi avvenimenti, di grandissimo rilievo (il CORONAVIRUS, per esempio) che coinvolgono a livello globale il nostro pianeta, siamo quasi sempre mossi dalla voglia di indagare se certe variabili meteorologiche siano in grado o no di influenzare lo svolgere di certi tragici avvenimenti. Alla domanda: è possibile? Sì, è proprio possibile! Come abbiamo recentemente diffuso sui Social, la nostra tesi su un probabile coinvolgimento di certe configurazioni meteo sul propagarsi o meno dei virus, non è del tutto infondata. Come detto siamo caparbi e via all’analisi di cui sopra. Si sono prese in esame le temperature medie giornaliere dell’Italia dal 4 marzo al 20 (ved. figura sotto).

Abbiamo poi preso i dati giornalieri (dal 4 al 20 marzo), ne abbiamo calcolato il delta, ossia la variazione dei casi di un giorno rispetto al precedente e li abbiamo messi in grafica qui sotto.
Tra i due grafici c’è una correlazione altissima. Stampate i due grafici e fate scorrere in avanti di un giorno, quello delle temperature tenendo fisso quello sottostante. Vi accorgerete che combaciano quasi perfettamente. In sostanza ciò significa che la curva coronavirus segue, dopo 24 ore circa, la curva della temperatura. Insomma è la temperatura che modella l’andamento della curva dei contagiati. Se la temperatura sale la curva dei contagiati sale, se essa scende cala anche la curva dei contagiati. Perciò tra qualche giorno, visto che i modelli meteorologici prevedono un’ondata di gelo, le temperature dovrebbero scendere di molto e, si spera con ciò, che diminuisca anche il numero giornaliero dei contagiati. Auspichiamo che sia proprio così».

Certified

Leave A Reply

Your email address will not be published.

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More

Privacy & Cookies Policy