titolo pulito

La musica è terapia per l’anima

Dal 432 hz all'8D con le nuove frontiere dell'ascolto

Editoriale – In questi giorni di quarantena, non potendo fare altro che accettare la situazione, la terapia per la nostra anima ferita da eventi incontrollabili è la musica.

Da sempre la musica è un rifugio, ora quanto più è terapia per l’anima di chi si sente comprensibilmente triste e vede vacillare certezze, equilibri e guarda verso un futuro che è ancora incerto. Ed in un contesto di notizie dove si parla solo di morte e stridore di denti per dolore, bisogna pur difendersi perchè come diceva Epicuro finchè ci siamo noi non c’è la morte e quando ci sarà la morte non ci saremo più noi. E nel mentre noi come giunchi piegati aspettiamo che passi la piena, una terapia è quella dell’ascolto della musica. Ma non a caso.

Anche a livello di comunicazione raccontare la musica è una arte interpretativa che va vissuta da dentro. Non nascondo che in questo periodo di torpore forzato manca recensire musica, come quella del gruppo Bad Medicine che ho visto nascere, e quando mancano i concerti ci si rende conto che sono parte integrante della vita.

Ma ora anche da casa, vanno riscoperte alcune potenzialità della musica dagli anni passati alle tecnologie attualizzate. Ascoltare qualche brano in 8D preferibilmente in cuffia, è una nuova frontiera per vivere emozioni che tendono quasi a sostituire un concerto reale.

L’8D è un’esperienza sonora che dà l’impressione all’ascoltatore di essere circondato da più casse tutte nella stessa stanza. Insomma, una sorta di effetto cerchio, come se la musica passasse da un orecchio all’altro facendo il giro della nostra testa, passandoci prima dietro e poi davanti. La sensazione è proprio quella di un suono che ci gira attorno in continuazione. 

Le frequenze del suono contenute nella musica possono intervenire nel condizionamento positivo del  nostro modus vivendi della persona umana. L’ascolto della musica può servire a migliorare la persona, a rilassarla e portarla alla meditazione. Antichi popoli e civiltà conoscevano il potere della musica e del suono, e molte sono le teorie che evidenziano un occultamento di determinate frequenze originali in 432 Hz, poi tramutate nell’attuale 440. Il 432 hertz ha un particolare effetto sul  suono e sulle vibrazioni in relazione ai principi della propagazione delle onde armoniche naturali e unificato con le proprietà della luce, spazio, materia, gravità ed elettromagnetismo. Sole, Saturno, Luna e Terra sono dunque correlazioni  matematiche al numero 432.

La scienza in generale  ha iniziato a riscoprire specificamente  i segreti del La a 432 Hz   con particolare studio sull’impatto prodotto sulla nostra salute. Noi, uomini,  in quanto esseri di coscienza, dipendiamo dalla naturale risonanza di attrarre ciò che vogliamo raggiungere:  l’amore, la felicità, lo sviluppo personale, la salute e l’abbondanza. 
Tornando indietro nel tempo si evidenzia che la stessa fu ” imposta ” nel 1939 dal nazista Joseph Goebbels, quando  ebbe a notare un diapason più acuto ( tra i 440 e i 450 Hz ) che suscitava nei soldati in guerra una sorta di instabilità e aggressività utile per fini militari.

Con l’ascolto della musica, il corpo si riposa, elimina le tensioni e anche il sistema immunitario si rinforza e le emozioni si attenuano.  La mente, così difficile da controllare ed il cervello stesso, iniziano a produrre delle onde cerebrali estremamente benefiche, differenti da quelle emanate nelle normali attività quotidiane. Queste onde sono chiamate onde alpha, in molti casi anche theta, misurabili con l’elettroencefalografo. In questa fase, i sensi e le percezioni esterne ed interne vengono amplificate in modo del tutto nuovo. Avviene un cambiamento interno automatico che cambia le produzioni interne ormonali e agisce sul sistema nervoso centrale. Il rilassamento permette quindi un maggior controllo sul corpo e la mente, aumentando la capacità di essere più attenti, più centrati e più reattivi in generale. Studi recenti dimostrano che per un apprendimento duraturo sono necessarie tutte quelle sostanze che il nostro corpo rilascia quando ci trascorriamo momenti ludici e divertenti.

E comunque l’ascolto di musica ci distende e ci isola, anche se temporaneamente, dalla negatività che si sta vivendo per questa emergenza nazionale. Dedicare qualche momento delle giornate sempre ritualmente uguali per molte persone che si trovano in casa può essere sicuramente una terapia importante.

La nostra risposta deve essere tenace, forte, e laddove la carica non possiamo trovarla certo nei media, nella tv, e nelle notizie che ci affliggono, alcune risposte oltre che nel nostro credo possiamo trovarle in un brano musicale. Ne segnalo alcuni in 8D che forniscono sicuramente una esperienza da vivere maggiormente in questo momento.

Per la musica a 432hz basta cercarla parimenti su youtube come per quella 8D.

Buon ascolto!

 

 

 

 

 

 

Certified
Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More

Privacy & Cookies Policy