titolo pulito

Le vene varicose

Le vene varicose sono vene gonfie e ingrossate che, di solito, si manifestano su gambe e piedi. Possono apparire di colore blu o viola scuro e, spesso, assomigliano a dei cordoni dall’andamento tortuoso.

Tra i disturbi (sintomi) che possono causare sono inclusi:

  • gambe doloranti e pesanti
  • piedi e caviglie gonfi
  • bruciore o pulsazioni nelle gambe
  • crampo muscolare alle gambe, soprattutto di notte
  • secchezza, prurito e pelle sottile sulla vena interessata

In genere, i disturbi peggiorano durante la stagione calda o se si rimane in piedi per lunghi periodi di tempo. Possono migliorare passeggiando o tenendo sollevate le gambe durante il riposo notturno.

Quando rivolgersi al medico di famiglia

Le vene varicose non sono, se non in casi rari, una condizione grave e, di solito, non richiedono cure.

Tuttavia, si consiglia di consultare il medico se:

  • causano dolore o fastidio
  • la pelle in corrispondenza delle vene è dolorante e irritata
  • il dolore alle gambe disturba il sonno notturno

Le vene varicose si sviluppano quando le piccole valvole all’interno delle vene smettono di funzionare correttamente. Dentro le vene, infatti, sono presenti minuscole valvole a senso unico che si aprono per far passare il sangue e poi si chiudono per impedirne il flusso all’indietro.

A volte, le pareti delle vene si allungano e perdono la loro elasticità, facendo indebolire le valvole o danneggiandole. Quando ciò accade il sangue può fluire all’indietro e accumularsi nelle vene, causandone il gonfiore e l’ingrossamento (varicosi).

Alcuni fattori possono aumentare la probabilità che una persona possa sviluppare le vene varicose:

  • sesso femminile
  • parente stretto con le vene varicose (genetica)
  • età avanzata
  • sovrappeso
  • lavori che comportano lunghi periodi in piedi
  • gravidanza

Sesso femminile

Le donne hanno maggiori probabilità di sviluppare vene varicose rispetto agli uomini.

La ricerca suggerisce che ciò potrebbe essere dovuto agli ormoni femminili che tenderebbero a rilassare le pareti delle vene, rendendo le valvole meno efficaci. Gli ormoni sono sostanze chimiche prodotte dall’organismo e loro cambiamenti possono essere causati dalla gravidanza, dalla sindrome premestruale o dalla menopausa.

Genetica

Il rischio di sviluppare le vene varicose aumenta se si ha un parente stretto che già ne soffre. Ciò suggerisce che le vene varicose possano essere in parte causate dai geni (le unità di materiale genetico ereditate dai genitori).

Età

Quando si invecchia, le vene iniziano a perdere la loro elasticità e le valvole al loro interno riducono via via la loro capacità di funzionamento.

Sovrappeso

Il sovrappeso aumenta la pressione sulle vene costringendole a lavorare di più per spingere il sangue verso il cuore. Quando ciò accade le valvole si “affaticano” e sono più soggette a perdite.

L’impatto del peso corporeo sullo sviluppo delle vene varicose sembra essere più significativo nelle donne.

Si consiglia di usare il calcolatore del peso forma (IMC o indice di massa corporea) per verificare se si è in sovrappeso.

Occupazione

Secondo alcune ricerche, i lavori che richiedono di stare in piedi per lunghi periodi di tempo possono aumentare il rischio di sviluppare le vene varicose. Ciò accade perché il sangue, quando si sta in piedi a lungo, non scorre così facilmente come dovrebbe.

Gravidanza

Durante la gravidanza, per aiutare lo sviluppo del bambino nel grembo materno, tutto il sistema circolatorio svolge un ruolo importantissimo. Ciò mette a dura prova anche il sistema venoso.

Inoltre, l’aumento dei livelli ormonali durante la gravidanza causa anche il rilassamento delle pareti muscolari dei vasi sanguigni che, a sua volta, aumenta il rischio di sviluppare le vene varicose.

Le vene varicose possono svilupparsi anche quando l’utero inizia a crescere poiché esercita una pressione sulle vene della zona pelvica che, a volte, può farle diventare varicose.

Anche se essere incinta può aumentare il rischio di sviluppare le vene varicose, la maggior parte delle donne ritiene che le loro vene migliorino significativamente dopo la nascita del bambino.

Altre condizioni

In rari casi, le vene varicose sono causate da altre condizioni come:

  • precedente coagulo di sangue
  • gonfiore o tumore nella pelvi
  • vasi sanguigni anormali

Se le vene varicose non causano alcun disagio, potrebbe non essere necessario recarsi dal medico. Le vene varicose, infatti, raramente sono gravi e, di solito, non richiedono cure.

Si consiglia di parlare con il medico di famiglia se:

  • compare dolore o fastidio nell’area in cui sono presenti le vene varicose
  • la pelle in corrispondenza delle vene diventa dolorante e irritata
  • il dolore alle gambe disturba il sonno notturno

Consultare il medico di famiglia

La presenza di vene varicose viene accertata dal medico esaminando le gambe mentre si è in piedi, per controllare eventuali segni di gonfiore. Il medico potrebbe anche chiedere se vi siano situazioni che fanno peggiorare i disturbi. Alcune donne, ad esempio, hanno riscontrato un peggioramento delle vene varicose in corrispondenza della mestruazione.

Il medico, inoltre, si informerà sulla presenza di eventuali fattori di rischio che aumentano la probabilità di comparsa delle vene varicose:

  • avere familiari di primo grado (storia familiare) con vene varicose
  • essere incinta
  • essere in sovrappeso (indice di massa corporea (IMC) aumentato rispetto al normale)
  • avere una trombosi venosa profonda (un coagulo di sangue in una delle vene profonde del corpo)
  • avere avuto danni alle gambe, ad esempio una frattura

Ulteriori indagini

Il medico di famiglia può prescrivere una visita dal medico specialista delle vene se sono presenti una, o più, delle seguenti condizioni:

  • vene varicose che causano dolore, disagio, gonfiore, pesantezza o prurito
  • cambiamenti nel colore della pelle sulla gamba
  • eczema sulla gamba
  • vene varicose dure e dolorose
  • ulcera nella zona sotto il ginocchio, guarita o non cicatrizzata (una rottura della pelle che non si è cicatrizzata entro 2 settimane)

Nella maggior parte dei casi, sarà eseguito un esame chiamato ecografia duplex. Si tratta di un tipo di scansione che utilizza onde sonore ad alta frequenza per produrre un’immagine delle vene nelle gambe. L’immagine mostra il flusso sanguigno e aiuta lo specialista vascolare a individuare eventuali valvole danneggiate che potrebbero causare le vene varicose.

Certified

Leave A Reply

Your email address will not be published.

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More

Privacy & Cookies Policy