titolo pulito

Il Covid non ferma la Democrazia Cristiana. A Saint Vincent ci sono tutti.

Tre giorni di incontri, dibattiti, confronti. Gianfranco Rotondi riunisce tutti i moderati e qualche voce fuori dal coro come quella di Gianluigi Paragone. Ci sono tutti gli ex DC e la platea è fatta da nostalgici e qualche giovane entusiasmo. C’è Rosato, Gelmini, Pecoraro Scanio, Cesa, Rampelli, Schifani, Prestigiacomo e diversi imprenditori pronti a parlare ancora di grande centro. Viene letto il messaggio del Premier Conte e l’applauso riempie la sala gremita nonostante il COVID. Il messaggio era atteso perché è lui il leader perfetto per questa platea. Parla con tutti, ha il senso delle istituzioni e soprattutto in Europa conta molto e proprio da Bruxelles stanno per arrivare 209 miliardi. Rotondi è contento, nonostante il COVID anche quest’anno i democristiani si sono ritrovati sotto la sua guida e forse sono gli ultimi a parlare ancora di progettazione politica. L’Italia sta cambiando forma e anche qui in Val d’Aosta la crisi è forte, le serrande sono abbassate e la paura lockdown preoccupa più del COVID. Il tema è l’ambiente perché il futuro è green, lo dice l’Europa e il 37% del Recovery Fund è destinato al pianeta e i DC lo sanno e per questo discutono di questo tema e nessuno vuole farsi trovare impreparato. Qualcuno lo chiama indebitamento, qualcun altro opportunità; parlano quelli che oggi siedono a destra ma anche a sinistra e tutti convergono sull’Enciclica di Papa Francesco che parla di Creato e quale migliore opportunità per tradurre l’Enciclica in Recovery Fund? Allora tutti guardano con ammirazione a Pecoraro Scanio perché lui sa come trattare l’argomento ambiente, lo fa da sempre e con Rotondi ora che si sono ritrovati uniti possono parlare di idee progressiste e neanche troppo lontane perché le amministrative di Roma sono alle porte. Un altro punto su cui tutti sono d’accordo riguarda il centro destra: è da rifare. Lo dicono Cesa, Schifani e Brunetta al telefono. Interviene anche il capo politico Silvio Berlusconi e lo fa con un lungo messaggio all’amico Gianfranco perché tutti sono amici a Gianfranco e questo da sempre rappresenta il vero plusvalore democristiano. Tra un panel e l’altro si discute, si fa lobbyng e c’è anche il tempo di andare a messa perché non deve mancare la fede. Rotondi torna alla sala congressi, sale sul palco più volte e ringrazia tutti. È lui il capo dei moderati, lo è da sempre e anche in piena crisi COVID ne ha la conferma, ora, con questa convention. È riuscito a far sedere allo stesso tavolo Paragone con Rampelli e Pecoraro Scanio; a ristabilire equilibri impensabili e a tenere viva la tradizione cattolica democristiana che non ha nulla a che vedere con le orde populiste che hanno saturato l’ultimo decennio politico.

Alessandra D’Andrea 

Certified
Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More

Privacy & Cookies Policy