titolo pulito

Dal 1° luglio riaprono sale scommesse e bingo: gli italiani torneranno alla normalità?

ROMA – Il settore del gioco legale in Italia è finalmente arrivato ad una svolta. L’ultimo Decreto Legge esposto dal Governo, infatti, prevede la riapertura dal 1° luglio 2021 di sale scommesse e bingo. Una notizia importante, anticipata nei giorni scorsi dalla redazione di Gaming Report, per un settore ormai fermo da oltre 300 giorni e con migliaia di aziende e lavoratori arrivati allo stremo, visti gli insufficienti aiuti arrivati dallo Stato nell’ultimo anno.L’interruzione delle attività di gioco in presenza fisica ha dirottato le utenze sul digitale e in particolare sui casinò online AAMS. Ciò ha portato i proprietari delle sale da gioco ad intentare un ricorso amministrativo per anticipare la data di apertura. Ricorso dichiarato inammissibile: le chiusure negli ultimi mesi sono infatti state disposte con un decreto legge che – avendo forza di legge – esula dalla giurisdizione dei tribunali amministrativi.

Dunque nulla di fatto, il Decreto Legge emanato stabilisce che “Dal 1° luglio 2021, in zona gialla, sono consentite le attività di sale giochi, sale scommesse, sale bingo e casinò, anche se svolte all’interno di locali adibiti ad attività differente, nel rispetto di protocolli e linee guida adottati ai sensi dell’articolo 1, comma 14, del decreto-legge n. 33 del 2020”.

Il passaggio al gioco online per tutti gli utenti interessati al gambling ha ovviamente creato una nuova tipologia di giocatori: più veloce, immediato e soprattutto con accesso diretto e universale da qualsiasi dispositivo mobile. Ebbene, cona la ripresa alle porte, ci si chiede se e come cambierebbero le abitudini dei giocatori ormai abituati al gioco da casa.

Apertura sale gioco e scommesse: gli italiani sarebbero pronti a tornare

 A stabilirlo è un’analisi condotta dal Rapporto IpsosPercezione del danno generato dalla pandemia per i settori dimenticati – Il punto di vista della popolazione italiana”, presentato nel corso del webinar dal titolo “Oltre le chiusure. La sfida della competitività e l’Italia che riparte”. L’obiettivo dello studio è analizzare la ricaduta che la pandemia ha avuto, dal punto di vista dei consumatori, sui settori economici e produttivi. Compreso quello del gambling. È stato analizzato un campione di 1000 italiani e il risultato integrato con altri studi condotti da Ipsos: multifinanziaria-Imprese, Imprese&Covid, l’Italia ai tempi del Covid19.

Alla domanda sulla possibilità di tornare in un luogo abitualmente frequentato, dopo ovviamente aver riaperto in sicurezza, il 33% del campione del settore giochi e scommesse ha dichiarato “certamente”. Il 39% afferma “probabilmente”, il 22% “probabilmente no” e un esiguo 6% “certamente no”. Con sondaggi che toccano il 72% di risposte positive è molto probabile che nel momento della riapertura il mondo del gioco legale in presenza fisica torni alla normalità.

Certified
Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More

Privacy & Cookies Policy