titolo pulito

Capodanno italiano con l’impatto di Omicron

ROMA – “L’Omicron ci preoccupa e dobbiamo prepararci a scenari diversi in considerazione di quello che si verificherà durante le feste, tra baci e abbracci, comportamenti più rilassati e disattenzioni, ci aspettiamo un’ondata significativa”. Era la previsione al 20 dicembre di Fabrizio Pregliasco, virologo e direttore sanitario Irccs Galeazzi di Milano, ma sembra trascorso più tempo perché la nuova variante corre, ieri quasi 127mila nuovi casi e una stima di prevalenza dell’Istituto superiore di sanità che indica Omicron come cinque volte più contagiosa della variante Delta, un dato che pone la nuova mutazione al 28%.

L’IMPATTO DI OMICRON

Questa percentuale, però, sembrerebbe già superata, vista la crescita dei casi, tanto che dal ministero della Salute si paventa che si sia arrivati a un 50-60% di prevalenza di Omicron su tutte le altre varianti. Per questa ragione sembra di essere tornati al 2020, quando il nuovo coroavirus divenne epidemico. A fine 2021 facciamo un ricorso forsennato ai tamponi, che ad inizio 2020 non erano mai abbastanza ma che invece oggi oscillano giornalmente tra 900mila e oltre un milione di test effettuati. Oggi abbiamo un virus che con la nuova variante ha cambiato le sue caratteristiche, per i tempi del contagio e della malattia, per l’incubazione e anche per la quarantena. Una sorta di giorno della marmotta che ci farà entrare nel nuovo anno, il 2022, come se fossimo ancora a due anni fa, una sorta di coazione a ripetere.

LEGGI ANCHE: L’Italia finisce nella lista nera della Germania: “Non andateci”

Ma vediamo nel dettaglio com’è cambiata l’epidemia, il virus e cosa invece ci fa tornare indietro. Contagi più veloci ma infezioni che durano meno tempo e soprattutto meno decessi. Omicron, la nuova variante, più trasmissibile di almeno cinque volte rispetto alla Delta, dalla scorsa estate predominante in Italia, ha tempi di incubazione di due-tre giorni; questo vuol dire che una persona che ha contratto il virus, può iniziare a manifestare i sintomi dopo solo 48 ore o restare asintomatica ma diventare contagiosa nello stesso breve lasso di tempo.

LE NUOVE MISURE DEL GOVERNO

E come ritorni dal passato ci sono sempre nuovi decreti e quindi nuove misure per il contenimento dei contagi. Il decreto approvato ieri sera dal Consiglio dei ministri ha eliminato la quarantena preventiva per chi è vaccinato e ha avuto un contatto stretto con un positivo ed esteso il green pass rafforzato necessario in un sempre maggior numero di attività e situazioni, oltre a capienze ridotte per stadi, palazzetti, cinema e teatri. (www.dire.it)

Certified
Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More

Privacy & Cookies Policy