titolo pulito

Monito di Prodi sulla guerra: “rischia di non finire mai”

Il Professore: "Domani sembra sempre più favorevole di oggi per fare la pace". Il presidente Cei, Zuppi: "La corsa agli armamenti non è una via sicura per la pace"

BOLOGNA – La guerra in Ucraina “corre il rischio di non finire mai, prolungando dolori e sofferenze”. È il timore espresso dall’ex premier Romano Prodi, questo pomeriggio a Bologna, nella sala dello Stabat Mater dell’Archiginnasio, a un convegno promosso dalle Acli sulla figura del cardinal Giacomo Lercaro. “Nessuno vuole, o può, compiere il primo passo per farsi indietro – è l’amara considerazione del Professore – e domani sembra sempre più favorevole di oggi per fare la pace”.

LEGGI ANCHE: Medvedev fuori di testa, vuole far fuori 440 milioni di europei. Compreso Orsini

Del conflitto ucraino, e non solo, parla anche il cardinale Matteo Zuppi, arcivescovo di Bologna e presidente Cei. Parlando della figura e del ruolo di Lercaro, Zuppi ricorda come “il Concilio Vaticano II avesse chiarissimo l’orrore della guerra”, definendo la corsa agli armamenti “non una via sicura per conservare la pace” e “una delle piaghe più gravi dell’umanità”. Un concetto che “anche Papa Francesco ha riproposto, inascoltato, nella ‘Fratelli Tutti’”, rimarca il cardinale. Che poi aggiunge: “La pace non è mai data una volta per tutte, l’assenza di guerra è solo una tregua. E questa consapevolezza dovrebbe aiutarci”. In altre parole, sostiene Zuppi, “c’è ancora tanto da imparare dal Concilio Vaticano II. Le tante guerre che producono orrori e povertà sfidano la Chiesa a stare dalla parte dei poveri”, perché “solo una Chiesa dei poveri è una Chiesa di tutti”, sostiene il presidente Cei. (www.dire.it)

Certified
Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More

Privacy & Cookies Policy