titolo pulito

Il Fisco nella storia, la tassa sui “single”

Il celibato, nella prima metà del secolo scorso, era una condizione davvero “sconveniente”. Non tanto da un punto di vista etico – che avrà comunque influenzato le scelte del legislatore – quanto da quello fiscale. Il 13 febbraio 1927, infatti, fu istituita in Italia l’imposta sui celibi, applicata in diversa misura a seconda dell’età dei non maritati. Quelli più giovani, tra i 25 e i 35 anni, pagavano un fisso di 70 lire, dai 36 ai 50 anni il tributo saliva a 100 lire e, dai 51 ai 65, invece, scendeva a 50 lire. Dai 66 anni non si versava più. Tali importi, nel tempo, subirono anche due aumenti, nell’aprile 1934 e nel marzo 1937, con una aliquota aggiuntiva che variava a seconda del reddito dell’obbligato. Il gettito derivante da questa imposta era, poi, devoluto all’“Opera nazionale Maternità e Infanzia”: in sostanza chi non si faceva una famiglia era tenuto ad aiutare economicamente chi, invece sceglieva di procreare. L’imposta sui celibi fu abolita dal governo Badoglio il 27 luglio 1943.

Certified
Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More

Privacy & Cookies Policy