titolo pulito

Milleproroghe, via libera all’emendamento del Governo sui segretari comunali nei piccoli comuni

Roma – Via libera dalle Commissioni Affari costituzionali e Bilancio del Senato all’emendamento del Governo al Dl 198/2022 (cd Milleproroghe) che per i Comuni fino a 5 mila abitanti estende la possibilità fino a 24 mesi di mantenere la figura del segretario comunale, titolare anche in altre sedi di fascia superiore. La norma agevola così i piccoli Comuni, assicurando loro una figura professionale indispensabile all’attività amministrativa soprattutto in attuazione dei progetti del Pnrr.

«Il Pnrr rappresenta un’occasione unica per il nostro Paese. Bisogna fare squadra e lavorare tutti insieme per creare quelle condizioni che rendano possibile attuare efficacemente i progetti finanziati e utilizzare così al meglio le ingenti risorse disponibili», sottolinea il ministro dell’Interno, Matteo Piantedosi, evidenziando che «l’emendamento approvato si muove in questa direzione. Consentirà difatti ai Comuni di piccole dimensioni di poter contare su figure dotate di elevata professionalità, che sapranno fornire un prezioso contributo per realizzare importanti progetti di rilancio e di sviluppo economico e sociale dei territori. Questo strumento si affianca all’impegno già portato avanti dal Viminale per sostenere tutti gli Enti locali, sia con specifici interventi normativi sia con altre iniziative che hanno già permesso negli ultimi mesi di incrementare gli organici dei segretari comunali».

«Con questo emendamento che ho fortemente caldeggiato – commenta il ministro per la Pubblica amministrazione, Paolo Zangrillo – andiamo incontro alle esigenze delle piccole realtà territoriali, che sono quelle che incontrano le maggiori difficoltà nel reperire una figura ad alta specializzazione, non presente nei loro organici. Una attenzione ai territori, che si aggiunge all’intervento inserito in Legge di Bilancio con cui si autorizza per la dotazione dei segretari comunali l’accesso al fondo da 30 milioni di euro all’anno fino al 2026. Si tratta di un altro importante tassello con il quale intendiamo rafforzare la capacità amministrativa e progettuale di questi enti. Siamo infatti consapevoli che il 70% delle risorse del PNRR impatta sulle realtà territoriali e dobbiamo quindi fornire loro tutti gli strumenti necessari per centrare gli obiettivi assegnati. Con questo provvedimento facciamo un ulteriore passo in avanti».

Certified
Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More

Privacy & Cookies Policy