titolo pulito

Ingv e guardia costiera: rinnovato il Protocollo d’intesa per lo studio del mare

Roma – Nella giornata  di ieri, presso la sede dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV) in Roma, il Presidente dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV), Prof. Carlo Doglioni, e il Comandante Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto-Guardia Costiera, Ammiraglio Ispettore Capo (CP) Nicola Carlone, hanno siglato il Protocollo d’Intesa che rinnova la collaborazione sancita nel 2009 tra l’INGV e la Guardia Costiera.
Il Protocollo, della durata di 8 anni, determina la collaborazione tra i due Enti a fronte delle necessità derivanti dalle rispettive attività istituzionali, sancendo i principi generali del supporto reciproco in ambito nazionale e internazionale.
L’INGV e la Guardia Costiera, quindi, continueranno a collaborare negli ambiti tecnico-scientifici nei settori strategici, quali il Telerilevamento e l’Oceanografia Operativa, e in ulteriori temi di comune interesse quali i maremoti e l’innalzamento del livello marino.
I precedenti accordi hanno consolidato la sinergia tra i due Enti anche attraverso lo svolgimento di missioni congiunte a bordo degli elicotteri AW139 della Base Aeromobili della Guardia Costiera di Catania, per la conduzione di campagne aeree su aree vulcaniche. A ciò si aggiunge la condivisione e lo scambio di conoscenze tecnico-scientifiche, di dati, di modelli previsionali e strumentazione.
La collaborazione prevede, inoltre, lo svolgimento di importanti attività di informazione, divulgazione e formazione rivolte alla collettività: informazione e divulgazione sui temi dell’innalzamento del livello marino come conseguenza del cambiamento climatico, dei fenomeni di subsidenza delle coste italiane e il relativo impatto ambientale; attività di formazione su temi quali i maremoti e le relative procedure di emergenza in caso di allerta.
Ulteriori proposte di cooperazione riguarderanno gli studi della sismicità dei fondali marini, delle frane sottomarine e dei rilievi batimetrici, gravimetrici e magnetometrici, per il monitoraggio delle coste italiane e per approfondire le conoscenze fino ad oggi acquisite.

Certified
Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More

Privacy & Cookies Policy