titolo pulito

Lotta alla criminalità meeting a Roma promosso dalla direzione centrale della Polizia criminale ed Europol

Lanciata l'"Italian initiative" per un'ancora più efficace azione amministrativa di contrasto ai patrimoni illeciti

ROMA – Si è aperto ieri  mattina a Roma l’incontro internazionale promosso dalla direzione centrale della Polizia criminale e da Europol sul tema della cooperazione di polizia e giudiziaria in materia di sequestro e confisca dei patrimoni illeciti alla criminalità organizzata, con la partecipazione delle Forze di polizia di 19 Paesi europei e la presenza di rappresentanti della Presidenza di turno svedese del Consiglio dell’Unione europea, della Commissione europea, della Procura europea (Eppo), di Eurojust, di Olaf (Ufficio europeo per la lotta antifrode), di Interpol e di Cepol.

Grazie al progetto I-CAN (Interpol Cooperation Against ‘Ndrangheta) – partito nel 2020 su iniziativa del dipartimento della Pubblica Sicurezza e del Segretariato generale di Interpol con l’obiettivo di promuovere la lotta globale alla criminalità organizzata di matrice calabrese, partendo dal modello investigativo italiano che per primo ha dovuto fronteggiarla – sono stati catturati  nel mondo, in meno di 3 anni, 43 latitanti di ‘ndrangheta, testimonianza tangibile della politica di colonizzazione criminale della mafia oggi più pericolosa in Italia

Durante il meeting è stata evidenziata la necessità di allineare l’aspetto delle catture dei latitanti al dato dei sequestri e delle confische, considerato che agli arresti non è sempre seguito un altrettanto significativo attacco ai patrimoni della ‘ndrangheta nei Paesi europei ed extraeuropei, a causa di una mancata armonizzazione degli strumenti amministrativi e penali a disposizione.

Nel biennio 2020/2022, in Italia, le Forze di polizia hanno sequestrato ben più di 5 miliardi e 300 milioni di euro alle organizzazioni criminali – quasi la metà alla ‘ndrangheta – mentre nel mondo, nello stesso periodo, i sequestri superano appena i 105 milioni di euro. Stesso discorso vale per  le confische: a fronte dei 2 miliardi e 800 milioni di euro confiscati in Italia, si registra nel mondo la cifra di 21 milioni di euro.

Allineare l’azione mirata alla cattura dei latitanti a quelle orientata ai sequestri e alle confische dei patrimoni illeciti è, pertanto, la strada per colpire in modo efficace le mafie, che vanno considerate vere e proprie “imprese globalizzate” aventi lo scopo di infiltrarsi nel mondo dell’economia per condizionare appalti e gare pubbliche.

Obiettivo dell’incontro  – che si conclude oggi – la creazione di una proficua sinergia tra le Forze di polizia affinché lavorino insieme, con gli stessi strumenti amministrativi e penali, per restituire alla società e alle comunità oppresse dalle organizzazioni criminali le risorse economiche provenienti dal narcotraffico, dall’immigrazione clandestina e dalla tratta di esseri umani.

In quest’ottica, il vice direttore del dipartimento della Pubblica Sicurezza e direttore centrale della Polizia criminale Vittorio Rizzi ha lanciato, nell’ambito dell’European Network on the Administrative Approach (Enaa), l’“Italian Initiative” per l’allineamento degli strumenti amministrativi a disposizione delle Forze di polizia europee per l’azione di contrasto ai patrimoni mafiosi. Una proposta accolta favorevolmente dalla presidenza di turno svedese del Consiglio dell’Unione e dagli altri rappresentanti di istituzioni e agenzie presenti, concordi nel ritenere che i Paesi europei debbano utilizzare lo stesso metodo sul piano amministrativo per combattere i tentativi di infiltrazione della criminalità organizzata nell’economia legale, prevenendo i così detti “white collar crimes”.

Certified
Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More

Privacy & Cookies Policy