titolo pulito

Il poeta e la Poesia in ogni attuale momento esistenziale. “Scene da un interno” di Roberto Maggi

Roma – In primis, sfogliando la silloge poetica di Roberto Maggi, colpisce la foto all’inizio del volume: foto di un interno, con ombre e luci, chiaroscuri e colori sfumati che catturano subito l’occhio. “Scene da un interno” è poesia che stravolge, fin dal principio, e che insieme coinvolge, che spinge alla riflessione e che lascia perplessi e un poco attoniti per la lingua e lo stile, le argute metafore, l’osservazione minuziosa delle cose tutte, lo scavo profondo e doloroso in esse, il far conoscere cosa si cela inconsciamente oltre il sipario.

La silloge è composta da quattro sezioni – Metropolis a fuoco, visioni a 180°, Bestiario digitale, Istantanee di niente – tutte decisamente forti e taglienti come una lama che penetra nella carne e lacera. Il poeta coglie la realtà attuale di un mondo avulso, frammentato, spesso allucinato e allucinante, i suoi mali e le sue perversioni, la sua consistenza distorta e la sua frequenza distopica e li canta per l’uomo che sa e vuole ancora ascoltare perché, non mi stanco mai di ripetere, la funzione della poesia (o almeno la sua principale funzione) è trarre canto anche dal sangue e dal letame, dando un senso compiuto all’Essere transeunte.

Dalla prima sezione – Metropolis a fuoco – ecco la poesia, che apre l’intera silloge, dal titolo Sulla strada: “Non puoi saperlo meglio/di quel barbone dalle dita vizze/dei suoi stracci corrosi/su strade nauseabonde:/le monete della gioia/balenanti su cornee/divorate di delirio/non si elemosinano”. La lingua si anima e prende vita, diventa voce di denuncia e ammonimento quasi per l’indifferenza dominante. Dalla seconda sezione – Visioni a 180° – la poesia Siamo da soli: “Siamo da soli a fantasticare/quando il giocattolo tra le mani/è relitto invisibile di pezzi./Siamo da soli a inscenare/conturbanti feste di Menadi/che neppur sanno di esistere”.

La parola qui è come una visione incisiva della deriva di una società opulenta priva di ogni anelito spirituale. Della terza sezione – Bestiario digitale – la poesia dal titolo Democrazia: “Dal mio nido di conclave/tra tende affaticate/spunta un coacervo dispari/di mansarde, grondaie/tranci di tetti incastonati/in sezioni di vetro/macchiato a spruzzo./Apro, ma non s’arieggia lo stantio/ché s’imbucano sciami posseduti/tappezzando fitti filari/di libri ingialliti,/occupando capillari/incavi sgombri/che solo la mia pretesa ottusa/riteneva sua proprietà esclusiva”. Sembra serpeggiarvi, in modo latente e velato, una certa ironia letteraria e una delusione sottile, ma il tutto è immagine poetica speculare di un concetto – idea politico importante e fondamentale. Dalla quinta sezione – Istantanee di niente – la poesia Porte riaperte: “Riaperte al mondo/porte di tungsteno,/screziate razze vi hanno confluito/diaspore infiorate da ghirlande/di specie ancora increate”. Incisivo ogni verso scritto per stimolare e per far reagire la coscienza intorpidita dell’uomo di fronte a realtà che possono essere abnormi e immani eppure silenziose e silenti.

Molto vi è nella silloge poetica “Scene da un interno” di Roberto Maggi della poetica di Charles Baudelaire. “I fiori del male” dello stesso hanno un ché di accomunante e di similare, un cantare e un porgere all’uomo del proprio tempo ciò da cui egli è sommerso e vive e ciò di cui forse non è consapevole anche suo malgrado. Il poeta e la Poesia sono sempre immersi in ogni attuale momento esistenziale, ma tuttavia vanno e stanno sempre oltre ad esso proiettandosi al di fuori del tempo.

Francesca Rita Rombolà

Certified
Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More

Privacy & Cookies Policy