titolo pulito

Acqua: le regioni più attente al contenimento degli sprechi

ROMA – La regione Sardegna è tra le più attente a non sprecare l’acqua, eppure l’isola è una delle regioni dove si registra il maggior numero di perdite a causa della vetustà degli impianti e del deterioramento delle tubazioni.
Lo rileva l’Istat nell’ultimo rapporto sulle risorse idriche nel Paese, relativo al triennio 2020-2022. Nel dettaglio, i valori più alti di perdite idriche si rilevano nei distretti Sicilia (52,5% dei volumi immessi in rete) e Sardegna (51,3%), seguiti dai distretti Appennino meridionale (48,7%) e Appennino centrale (47,3%). Nell’isola i Comuni registrano perdite uguali o superiori al 45%. Per contro, il 76,6% dei sardi dichiarano di prestare attenzione a non sprecare l’acqua, dato che posiziona l’isola al primo posto (il valore minimo si registra in Calabria, con il 64,6%). Altro dato significativo riguarda le famiglie sarde che dichiarano di non fidarsi a bere l’acqua di rubinetto: la media nazionale si attesta al 29,4%, nell’isola la percentuale cresce fino al 48,6% (terzo posto in Italia dopo la Sicilia, con il 61,7%, e la Calabria con 51,1%).
E in effetti, se a livello nazionale risulta stabile nel 2022 la quota di famiglie che si ritengono molto o abbastanza soddisfatte rispetto all’odore, al sapore e alla limpidezza dell’acqua- più di tre famiglie su quattro, il 76,5%- la quota di famiglie invece insoddisfatte è alta in Calabria (43,0%), in Sicilia (39,6%) e appunto in Sardegna (32,8).
Certified
Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More

Privacy & Cookies Policy