titolo pulito

Caro bollette, il 15% delle imprese a rischio chiusura

Confcommercio Milano chiede confronto tra i leader politici

MILANO – Il 15% delle imprese valuta la chiusura dell’attività, il 10% la sospensione temporanea e l’8% il ricorso alla cassa integrazione per il personale. Inoltre, il 96% delle imprese boccia le misure varate dal governo contro i rincari dell’energia mentre il 69% degli imprenditori vorrebbe un confronto tra i candidati su questo tema in vista delle elezioni. Questo quanto emerge dall’indagine di Confcommercio Milano, Lodi, Monza e Brianza sull’emergenza dei costi energetici realizzata in questi giorni e i cui risultati sono stati elaborati dall’Ufficio Studi. Al sondaggio hanno risposto 703 imprese, in particolare della
ristorazione (28%), del dettaglio non alimentare (19%), dei servizi (17%), del dettaglio alimentare (10%).

“Gli interventi per far fronte all’emergenza caro energia- sottolinea Marco Barbieri, segretario generale di Confcommercio Milano, Lodi, Monza e Brianza- devono essere molto rapidi per evitare una vera e propria recessione e indesiderati ‘lockdown’ per le imprese. Noi abbiamo dichiarato la nostra disponibilità ad ospitare confronti con i maggiori candidati alle elezioni politiche per discutere di temi prioritari come il caro energia. E dal nostro sondaggio emerge l’interesse delle imprese ad ascoltare e valutare le proposte dei partiti”.

LE MOSSE DELLE IMPRESE CONTRO IL CARO BOLLETTE

Nel dettaglio delle risposte, il 66% delle imprese prevede un minore uso di illuminazione e aria condizionata/riscaldamento; il 32% un maggiore indebitamento con le banche per pagare le bollette; il 18% la riduzione dell’orario di lavoro; il 15% la chiusura dell’attività e il 10% la sospensione temporanea. L’8% il personale in cassa integrazione e il 7%, là dove è possibile, l’operatività solo in alcune aree. Il 9% non prevede alcuna conseguenza.

Secondo l’indagine, il maggiore indebitamento con le banche, ma anche la chiusura e il personale in cassa integrazione, sono segnalati soprattutto dalle imprese del settore alberghiero/ricettivo.

IN MEDIA AUMENTI DEL +121% PER BOLLETTE IMPRESE

Gli aumenti registrati dalle imprese vanno dal +181% nel dettaglio alimentare al +161% per alberghi-ricettività e +123% per la ristorazione, al +119% e +116% rispettivamente per i negozi non alimentari e i servizi: è la sensibile crescita, in un anno (2022-2021), dell’incidenza percentuale dei costi per l’energia sui fatturati delle imprese del terziario. Con una media, per tutti i settori, del +121%.

Secondo il sondaggio, la spesa per l’elettricità è aumentata fra il 100 e il 200% per il 27% delle imprese, di oltre il 200% per il 26% e fra il 50-100% per il 23%. Il 24% segnala un incremento fra il 30 e il 50%. Maggiori rincari per dettaglio alimentare, ristorazione ed alberghi/ricettività (dove il 90% dichiara un aumento superiore al 100% rispetto al 2021 e il 31% lamenta un rincaro superiore al 200%).

La spesa per il gas è invece aumentata di oltre il 200% per il 19% delle imprese e fra il 100 e 200% per il 25%. Il 31% registra aumenti fra il 50 e 100% mentre il 25% segnala rincari tra il 30 e il 50%. Maggiori incrementi di spesa del gas per alberghi/ricettività, ristorazione, servizi.

Anche sui carburanti, le imprese registrano una crescita fra il 30 e il 50% per oltre la metà degli operatori (55%) e fra il 50% e il 100% per il 27%. Il 18% segnala rincari fra il 100 e il 200%. Maggiori rincari per agenti rappresentanti di commercio, dettaglio alimentare, servizi. (www.dire.it)

Certified
Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More

Privacy & Cookies Policy